Cosa piantare a Settembre

cosa piantare a Settembre

Nel mese di Settembre potrete preparare il vostro terrazzo per la stagione autunnale, piantando gli ortaggi che sono più adatti a sopravvivere nel periodo di fine estate.

Potrete quindi piantare ortaggi che verranno raccolti in inverno, quindi adatti a resistere a temperature basse ma anche ortaggi che hanno un ciclo breve di vegetazione e che quindi, in poche settimane saranno raccolti.

Cosa piantare a Settembre

Il Broccolo: resistenti ai primi freddi

I broccoli sono molto facili da coltivare, prevedono una semina nei mesi estivi, e trapiantati quando le temperature inizieranno a cambiare.

Saranno un buon ingrediente per i vostri piatti autunnali. Adatto come contorno ma anche come ripieno di torte salate e come condimento per la pasta.

Broccolo nero o calabrese

Dei broccoli si raccolgono le inflorescenze in modo che la pianta possa farne altre e continuare la sua vegetazione.

Radicchio: la cicoria rossa

Il radicchio é un buon ortaggio per il vostro orto sul terrazzo. È una cicoria che si contraddistingue per il suo sapore leggermente amaro ma facile da abbinare in diversi piatti della cucina italiana.

Radicchio

Le maggiori colture sono quelle delle rinomate zone venete: Chioggia, Treviso, Verona e Castelfranco dove le diverse tecniche di coltivazione permettono una produzione in diversi periodi dell’anno.

Ricordatevi di innaffiare spesso cercando di evitare i ristagni nel terreno. La raccolta del radicchio può avvenire in autunno ma se per caso vi dimenticate la pianta nel vostro terrazzo non preoccupatevi dopo essere seccata durante l’inverno germoglierà ancora a primavera.

Cavolo Verza: un ortaggio alla portata di tutti

A Settembre potrai piantare nel tuo terrazzo il cavolo verza, è facile da coltivare ed è alla portata di tutti perché la cura che dovrete dargli è minima.

Non tutti apprezzano i cavoli o i broccoli per via del loro odore ma sono ortaggi estremamente versatili che hanno molteplici impieghi nei piatti della vostra cucina.

Resisterà sul vostro terrazzo anche quando le temperature saranno rigide, molti pensano che una bella gelata migliori le qualità del cavolo e ne arricchisca il sapore.

Anche il cavolo ha bisogno di una buona irrigazione e con una leggera pacciamatura con segatura o foglie secche permetterà al terreno di mantenere la giusta umidità necessaria per permettere la crescita al meglio.

Cavolo nero: il più forte tra gli ortaggi

Il cavolo nero o  cavolo toscano o cavolo nero crespo è molto conosciuto in toscana perché molto utilizzato nei piatti della tradizione contadina, ma é adatto a qualsiasi zona geografica con delle piccole accortezze.

Resiste alle basse temperature anche a 10 gradi sotto zero e quindi, anche alle gelate invernali.

Una volta che lo avrete piantato nel vostro orto sul terrazzo dovrete solo iniziare a pensare in quale ricetta utilizzarlo.

É molto produttivo e come potrete immaginare necessità di poca attenzione ma un’accortezza che dovremmo considerare é l’esposizione al sole che dovrebbe essere buona in modo che la pianta possa esprimere al suo meglio la produzione di foglie.

Il suo colore scuro da cui deriva anche il nome é dovuto all’alta concentrazione di clorofilla, e i suoi valori nutrizionali sono estremamente importanti per il nostro organismo.

Come succede nella coltivazione del cavolo verza o per i broccoli la pacciamatura permetterà al terreno di conservare l’umidità di cui necessità la pianta.

Cosa piantare aD Agosto

valeriana
valeriana
Valeriana

Agosto é il mese in cui nell’orto o sul terrazzo abbiamo già raccolto tutti i frutti e le verdure estive come pomodori, zucchine o melanzane e allora quali sono le verdure o gli ortaggi da piantare nel tuo orto in terrazzo?

Sicuramente potrai piantare la rucola, la valeriana o i porri. Tutti e tre resistono alle temperature un pò più basse che ci propone il mese di Agosto e allo stesso tempo resistono anche al caldo che potrebbe esserci in questo mese di transizione tra due stagioni.

Valeriana: conosciuta anche come songino

Quando pianifichi la produzione di ortaggi sul tuo terrazzo nel mese di agosto, la valeriana, è capace di resistere alle temperature più basse ma soffre tanto la siccità può essere sminata a partire da Novembre per poi essere consumata in primavera.

Ma se volete arricchire il vostro terrazzo con questa insalata dolce conosciuta anche come songino o dolcetta potete anche piantare le vostre piantine nel mese di Agosto e per un paio di mesi ne avrete il terrazzo pieno.

L’unica accortezza sarà quella di innaffiarla costantemente soprattutto se le temperature dovessero essere troppo alte.

Tagliando solo le foglie piū alte potrete garantire la coltivazione della vostra insalata per diverso tempo, anche un paio di mesi.

La Rucola

Un altro ortaggio adatto al vostro terrazzo é senz’altro la rucola.

In cucina si presta a diverse preparazioni e la sua produzione in vaso sul terrazzo non é particolarmente difficile.

Risente particolarmente della siccità più che altro perché nei periodi caldi, la rucola potrebbe andare in seme direttamente senza produrre niente.

Dei teli ombreggianti o semplicemente non in pieno sole, permetterà di coltivarla sul vostro terrazzo al meglio.

Verificate anche che il terreno sia stato rivoltato un pò prima di mettere nel vaso le piantine in questo la pianta potrà crescere al meglio assorbendo le sostanze nutritive della terra.

Se piantate la rucola sul vostro terrazzo, insomma, andrete sul sicuro perché non é particolarmente bisognosa di attenzioni particolari.

I Porri: tra cipolla e aglio

Il porro è una delle coltivazioni che si prediligono sul terrazzo durante i mesi invernali. Adatto a diverse preparazioni ha un gusto e una consistenza che lo colloca tra l’aglio e la cipolla.

Se utilizzato appena colto conserva tutta la componente zuccherina che lo rende adatto ad un utilizzo in cucina molto variegato.

Come per altre piante ricordatevi di rivoltare la terra prima di piantarli e soprattutto in questo caso la distanza tra una piantina e l’atra è molto importante perché una volta cresciuta la pianta occuperà diverso spazio e dovrete assicurarvi che i vasi sul vostro terrazzo non siano troppo affollati altrimenti si ruberanno nutrimento uno con l’altro.

porri
Porri

L’ideale é senz’altro un vaso rettangolare ma particolarmente profondo in modo che la pianta possa svilupparsi senza problemi e che la piante siano disposte più o meno 15 centimetri una dall’altra.

Cosa piantare a Aprile

Melanzane

Ad Aprile, si risveglia la natura. Le temperature non sono ancora troppo alte ma la luce e il cambio delle temperature dovute al cambio di stagione segnano una rinascita nel vostro terrazzo.

Per questo motivo è giunto il momento di iniziare a pensare all’organizzazione del vostro terrazzo. Da come gestite questo primo approccio con la gestione del vostro terrazzo dipenderà la vostra raccolta.

Gli ortaggi consigliati per il vostro terrazzo sono quindi: melanzana, cicoria, spinacio.

Iniziamo con il parlare dello spinacio e della cicoria.

Spinacio

Lo spinacio e cicoria: seminarli e piantarli

Preparate il vostro vaso con la terra e iniziate con inumidirla con un pò d’acqua. Spargete i semi sulla superficie della terra, che non deve essere troppo compressa altrimenti risulterà troppo dura per i semi per riuscire a passarci oltre.

Disponete a questo punto un altro strato di terra molto sottile e se abitate in una zona in cui ancora nel mese di aprile c’e’ la possibilità di gelate copritela con un pezzetto di tessuto non tessuto oppure con un telo di plastica trasparente.

Questo gli permetterà di prendere la luce ma allo stesso tempo sarà protetto dal ghiaccio o da abbassamenti drastici della temperatura. Nel caso in cui decidiate di usare un telo di plastica trasparente l’acqua evaporando grazie al sole, ritornerà nella terra tenendo la terra sempre umida.

Quando saranno spuntati i vostri spinaci e la vostra cicoria e siete sicuri che siano abbastanza robusti allora potrete togliere il tessuto o il telo e continuare a coltivarli fino a che le foglie non saranno belle carnose e di un verde intenso.

Se il procedimento della semina vi sembra troppo laborioso allora aspettate la fine di Aprile e in qualsiasi vivaio potrete comprare le piantine da piantare nei vostri vasi , dopo qualche settimana vedrete che saranno pronti per la raccolta.

Melanzane: quando piantarle

Quando piantarle?

Le melanzane sono molto facili da coltivare anche se spessi ci sono diversi parassiti che impediscono alla pianta di vegetare le modo corretto.

Il periodo ideale per iniziare a coltivarle é sicuramente la fine di Aprile. Fate sempre attenzione alle temperature perché si dovrebbe evitare di esporle all’esterno con una temperatura inferiore ai 9 gradi.

Troverete facilmente le piantine in qualsiasi vivaio e le varietà sono tantissime.

Trovate quelle lunghe, quelle tonde, quelle bianche o quelle striate, la differenza sta soprattutto nell’uso che ne farete poi una volta raccolte.

Quando inizieranno a fiorire si riempiranno di fiori violacei che poi lasceranno il posto alla melanzana.

Devo ammettere che le mie preferite sono quelle bianche che producono delle melanzane non troppo grosse ma sono molto prolifere.

Cosa piantare a Dicembre

serra

Nel mese di Dicembre il tuo orto sul terrazzo riposerà un pò perché nonostante capiti spessi che ci siano delle giornate molto soleggiate le temperature notturne sono proibitive.

In ogni caso non é il caso di disperare, potrete lavorare la terra e concimarla per prepararla per la nuova stagione che arriverà con la tanto attesa primavera. Se invece non riuscite a fare a meno delle vostre verdure fresche potrete optare per l’acquisto o la creazione di una serra che protegga le vostre verdure dal freddo estremo di questo mese rigido.

Quindi nel caso voleste considerare la possibilità di una serra potrete tranquillamente coltivare carote e cavoletti di Bruxelles oppure iniziare a pensare alle vostre colture primaverili ed estive predisponendo un semenzaio con pomodori, peperoni, melanzane e tutto quello che riuscite a immaginare nel vostro orto sul terrazzo.

Carote: meglio considerare quelle piccole

Nel mese di Dicembre potrete coltivare le vostre carote con facilità specialmente se i vostri sono riparati dalle gelate e godono di una buona esposizione.

Sicuramente dovrete optare per varietà di carote che non crescano troppo in lunghezza ma che prediligano le crescita in larghezza come ad esempio le Oxheart o la Little finger o la Nantes oppure quelle tonde come le Thumbelina, la Parmex o la parigina rossa e soprattutto dovrete pensare di acquistare dei vasi che abbiano una profondità di 40/50 centimetri.

Carota Parigina

Avrete comunque delle carote di buonissima qualità che però non si sviluppano in profondità come farebbero nella terra.

La carota preferisce un terreno morbido e che non tende a compattarsi in modo da crescere senza fatica, quindi potrete aggiungere alla vostra terra o al vostro terriccio della sabbia e ricordatevi di mettere sul fondo del vaso dell’argilla espansa o dei sassi in modo da favorire il drenaggio della terra e con l’utilizzo di un sottovaso avrete sempre dell’acqua residua che la pianta utilizzerà al bisogno.

Il ciclo di coltivazione della carota é di circa 70/100 giorni, inizialmente vedrete crescere delle foglioline ma la radice di svilupperà nella terra. Anche se un pò piccole le carote possono essere consumate, con un bastoncino scavate un pò per controllare che il diametro della carota sia di almeno un paio di centimetri almeno sarete sicuri di non estirparle quando ancora sono troppo piccole.

Un modo molto semplice per piantare le carote é quello di conservare le teste che tagliate prima di cucinarle e di metterle a bagno in un contenitore fino a che inizieranno a vegetare facendo delle foglioline nuove, a quel punto potrete metterle nei vostri vasi alla profonditá di 7/8 cm.

Vegetazione Carota

Cavoletti di Bruxelles: anche in vaso si può

Forse vi siete chiesti se potete piantare nel vostro orto sul terrazzo i cavoletti o cavolini di Bruxelles? La risposta é si.

Questa tipologia particolare di cavoli sono molto apprezzati in cucina per il loro gusto particolarissimo, ma vi sorprenderà sapere che sono anche molto semplici da coltivare anche all’interno dei vasi del terrazzo.

Cavolini di Bruxelles

Iniziate ad attrezzarvi con dei vasi un pò profondi alti circa 40 cm e con dell’argilla espansa che sarà disposta sul fondo del vaso e disponete una piantina per vaso.

Per proteggere la pianta dal freddo potrete macciamare il suolo con un telo o con dell’erba secca, del fieno, della paglia, argilla espansa o della corteccia di albero, in questo modo manterrete anche la giusta umidità del terreno e non cresceranno erbacce sgradite.

esempio pacciamatura

Una volta che i cavolini di Bruxelles inizieranno a crescere e a produrre potete iniziare a raccoglierli dal basso verso l’alto, in questo modo la pianta stessa sarà indotta a produrre di più.

Cosa piantare a Novembre

finocchio

Il mese di Novembre non é tra i più produttivi ma di sicuro potrai sfruttare il tuo orto sul terrazzo anche in questo mese invernale.

Il clima inizia a farsi più rigido soprattutto in alcune zone del paese sarà più opportuno preparare il semenziario per la primavera ma non é il caso di disperare perché possiamo sempre piantare i finocchio che resistono bene ai primi freddi e che arricchiranno le nostre insalate invernali e i nostri orti sul terrazzo.

COSA PIANTARE A NOVEMBRE

Il Finocchio: delicato ma resistente

Il finocchio é senz’altro un buon modo per tenere in attività il tuo orto in attesa che arrivi la primavera o l’estate che é il periodo in cui la produzione di ortaggi e verdure sarà in pieno sviluppo.

Coltivare i finocchio sul terrazzo é piuttosto facile, bisogna ricordarsi di utilizzare dei vasi piuttosto profondi per permettergli di crescere a sufficienza e per facilitare il drenaggio del terreno disponete sulla base del vaso dei sassi o della ghiaia, questo permetterà all’acqua di nutrire la pianta ma eviterà accumuli di acqua in eccesso e la pianta sarà protetta da eventuali muffe o parassiti.

Finocchio con Sclerotina

Un’esempio di malattia che potrebbe colpire i vostri finocchio é la  sclerotina che é una muffa alla lunga potrebbe contaminare tutto il vostro orto.

Potete seminare i finocchi già nel mese di Settembre o di Ottobre e poi trapiantare i germogli nel mese di Novembre avendo cura di proteggerli dalle gelate.

Se volete evitare la fase della semina, potete comprare le piantine nei vivai e trapiantare alla profondità di circa 10 cm.

I finocchi impiegheranno circa 40/45 giorni per raggiungere la completa maturazione, quindi saranno pronti da raccogliere dopo circa un mese.

Cosa piantare a Ottobre

bietola

Il mese di Ottobre segna senz’altro la fine delle temperature calde, sia la semina che il trapianto dovrà quindi riguardare ortaggi a ciclo rapido, in modo che non vadano in contro alle gelate invernali.

Se le vostre coltivazioni sono in vaso, posizionateli in un posto riparato oppure provvedete a coprirli con un telo di tessuto non tessuto (TNT).

Sicuramente tra le piante più adatte alla coltivazione sul vostro terrazzo troveremo: lattuga da taglio, ravanelli.

Lattuga da taglio: una coltura per tutto l’anno

Se cercate un’insalata che sia adatta a tutte le stagioni, senz’altro la lattuga da taglio fa al caso vostro. È ideale per chi ha un orto sul terrazzo perché resiste a temperature molto basse e in qualsiasi zona d’Italia può sopravvivere anche in inverno.

Lattuga da taglio

Se le temperature delle stagioni più fredde vanno sotto i 2/3 gradi sotto zero, allora basterà coprirla con un telo trasparente oppure con un telo di tessuto non tessuto, invece, nel caso di estati troppo estreme, cercate di tenerla riparate dal sole diretto in modo che non superi mai i 20 gradi ma in un posto dove possa avere sempre la luce.

Come per molte piante la lattuga da taglio richiede un terreno ben irrigato ma senza ristagni per evitare la formazione di muffe e parassiti.

Nel momento della semina, é consigliabile disporre i semi in fila in modo da poter innaffiare la vostra insalata senza bagnarne le foglie, in più potrete smuovere il terreno più agevolmente.

Ravanelli: clima fresco e buona esposizione

Ravanelli

Nel tuo orto sul terrazzo potrai sicuramente piantare i ravanelli che sono un’ottima verdura da utilizzare per la tua insalata. Nel mese di Ottobre avranno la temperatura ideale perché non troppo caldo, infatti, questo ortaggio patisce il caldo e predilige climi miti con una buona esposizione alla luce.

Molto facile da coltivare soprattutto per il suo ciclo breve di circa 30/35 giorni che vi permetterà di apprezzarne velocemente i freschissimi frutti, ma probabilmente nei mesi invernali richiederà almeno 60 giorni, attenzione perché se la radice rimane troppo tempo sottoterra il sapore risulterà piccante.

Il Ravanello o Rapanello richiede un’irrigazione abbondante ma costante, se l’acqua sarà troppa la pianta svilupperà di più la parte fogliare rispetto alla radice, al contrario con poca acqua la radice sarà legnosa.

Cosa piantare a Luglio

zucchine

Sedano, zucca, zucchino

Cosa piantare a Giugno

peperoni

Il mese di Giugno é senz’altro il miglior per curare il vostro orto in terrazzo, le giornate sono lunghe e soleggiate e a allora potrete piantare qualsiasi cosa che abbia bisogno di caldo e di sole.

Il vostro orto sarà uno spettacolo perché tutti i vostri ortaggi saranno fioriti e pronti a produrre i frutti del vostro lavoro.

Un’esempio potrebbero essere i peperoni o le zucchine.

I Peperoni: parenti delle patate e dei pomodori

I peperoni sono senz’altro i principi delle nostre tavole estive, colorati e dolci ci regalano un pieno di vitamina C.

Esistono svariati tipi di peperone e variano in base alla forma e alla piccantezza data dalla presenza o meno di capsaicina , tra le tipologie più comuni ci sono i quadrati, quelli a corno, i peperoni di Asti e i Friggitelli.

È molto importante che il terreno dove coltiverete i peperoni sia piuttosto sabbioso, per permettere che l’acqua non rimanga stagnante nel terreno per evitare parassiti e muffe.

Anche se sono in vaso, le piante di peperoni necessitano di un bastone che li sostenga perché la pianta tende a crescere molto e anche i frutti sono grandi e pesanti.

Il vantaggio di avere i peperoni in vaso é senz’altro quello di poter continuare a raccogliere i frutti anche nelle prime settimane di autunno perché la pianta sarà più protetta rispetto ad una pianta piantata nella terra dell’orto.

Se necessario anche durante il periodo vegetativo della pianta potrete aggiungere un pò di concime come ad esempio dello stallatico ma sempre in quantità ridotte per evitare di bruciare la pianta.

Le Zucchine: facili da coltivare e prolifiche

La pianta della zucchina é molto facile da coltivare e se la pianta attecchisce bene, statene certi che anche con una sola pinta avrete una produzione tra zucchine e fiori che farete fatica a consumare.

La temperatura é certamente un elemento importante per la coltivazione delle zucchine, essendo piante di origine tropicale preferiscono temperature non più basse dei 15 gradi sotto i quali la pianta smette di crescere e di svilupparsi.

Una cosa importante per piantare la zucchina o zucchino é la rotazione, bisogna ricordarsi di non piantarla mai nella stessa aiuola o nello stesso vaso, perchè consume molte sostanze nutritive impoverendo il terreno.

Cosa piantare a Maggio

pomodori

Pomodoro, peperoncino, cardo, prezzemolo

Cosa piantare a Marzo

Baccello di piselli

Il mese di Marzo é molto importante per l’organizzazione dell’orto perché in quasi tutto il paese le gelate iniziano a diventare più sporadiche. La natura inizia a risvegliarsi, il terreno e le piante sono esposte ad una quantità maggiore di luce e le temperature sono più miti.

È proprio in questo periodo che dopo aver pulito i vasi dalle eventuali erbacce e dopo aver concimato e mosso il terreno si può pensare a cosa piantare.

Quindi cosa si potrebbe piantare a Marzo nell’orto in terrazzo?

Appena la temperatura sarà giunta intorno al 14/15 gradi allora quello è il momento giusto per piantare le fragole e potrete anche seminare i piselli.

Qualche giorno prima di piantare le vostre piante o seminare i vostri semi, rivoltate la terra per bene, e aggiungete del compost e dello stallatico maturo, potete anche servirvi di quello in pellet, molto comodo e facile da dosare, in commercio ne troverete di tutti i tipi, anche biologico.

Le Fragole: facili e alla portata di tutti

Le fragole sono l’ideale per i vostri vasi sul terrazzo. sono piante estremamente facili da coltivare perché una volta che avranno attecchito sia nei vostri vasi che nel vostro orto, si riprodurranno anche l’anno successivo riproducendosi lungo gli stoloni prodotti dalla pianta madre.

Fragole in vaso

Quando piantare le piantine di fragola?

Piantare le fragole nel mese di Marzo vi garantirà un bel raccolto nei mesi successivi, vedrete prima fiorire la pianta con dei fiorellini bianchi o rosa e poi arriveranno i frutti gustosi.

Dove piantare le piantine di fragole?

Potrete piantare le vostre fragole sia in un vaso ampio oppure nel vostro orto, l’importante é che visto il periodo di tempo ancora non definitivamente caldo, le piante siano riparate dell’eventuale gelo.

Come si piantano le fragole nell’orto?

Se avete la possibilità di utilizzare dei vasi ampi, allora create delle collinette nel cui centro sistemerete la vostra piantina di fragola, in questo modo anche quando la pianta diverrà grande e saranno un pò fitte non avrete problemi di ristagno e di deposito eccessivo dell’acqua.

Quanto vive una pianta di fragole?

Fragole coltivate in vaso

Le piante di fragole rimangono nella terra e si riproducono per diversi anni, ma l’ideale sarebbe di cambiarle e ricreare il fragolaio dopo 5 anni circa.

Seminare i piselli: meglio seguire la luna

I piselli sono dei legumi facilissimi da coltivare, i semi resistono benissimo al freddo e potrete seminarli direttamente nei vasi o nella terra senza temere le temperature rigide dell’inverno, perché ai primi caldi spunteranno i germogli delle piantine.

Il momento migliore per la semina dei piselli é senz’altro nella fase crescente della luna, sembra che questo favorirà la germogliazione.


Coltivare i piselli sul terrazzo

Quando seminare i piselli?

I piselli possono essere seminati già tra la fine di Febbraio e l’inizio di Marzo, il loro ciclo di coltivazione è molto rapido, perciò raccoglierete i piselli già dopo un paio di mesi dopo la semina.

Come si seminano i piselli?

Preferite dei vasi rettangolari in modo da poter fare dei lunghi soldi paralleli gli uni agli altri e alla profondità di circa 3 cm potrete seminare i piselli.

Finche non saranno spuntati i germogli tenete umido il terreno e provvedete a coprire con un telo di tessuto non tessuto per evitare che gli uccelli si nutrano dei semi che avete seminato.

error: Content is protected !!